Search

La rivoluzione sociale globale o la brutalità di stato e capitalismo. 85° anniversario della rivoluzione spagnola

La rivoluzione sociale globale o la brutalità di stato e capitalismo. 85° anniversario della rivoluzione spagnola
Il 19 luglio 1936 le sirene delle fabbriche di Barcellona non suonano per l’inizio del turno. È il segnale concordato dei comitati di fabbrica della Confederazione Nazionale del Lavoro (CNT) per l’azione dei comitati di difesa della Confederazione. L’esercito fascista, dopo aver neutralizzato il governo della Catalogna (che si era rifiutato di fornire armi alla CNT), invade la città. CNT, FAI e Gioventù Libertaria hanno già organizzato la difesa sociale e di classe, espropriando armi, che vengono distribuite al proletariato organizzato. I rivoluzionari e le rivoluzionarie della CNT-FAI, grazie alle informazioni raccolte sull’imminente attacco alla città da parte dell’esercito fascista,... Leggi tutto

Primo maggio nelle strade

Primo maggio nelle strade
Questi i primi report arrivati dalle tante piazze del primo maggio. Il comunicato della Cdc della FAI “Primo maggio in piazza contro il governo” è stato diffuso in molte delle iniziative e vari striscioni e slogan comuni fra cui “Le nostre vite contro i loro profitti” hanno caratterizzato la presenza delle anarchiche e degli anarchici della FAI ma non solo. Qui trovate anche il comunicato dell’IFA TRIESTE Dopo un riuscitissimo 25 aprile, anche la giornata del primo maggio è stata ricca di soddisfazioni per noi. Prima tappa alle 9.30 in piazza Unità per il presidio/flash mob organizzato assieme ai Cobas e... Leggi tutto

Primo Maggio in piazza contro il governo

Primo Maggio in piazza contro il governo
In questi pochi mesi il governo Draghi ha mostrato chiaramente la sua natura e il suo scopo. Finora il cosiddetto “governo dei migliori” non ha fatto nulla di diverso dal precedente, ma questo non può certo costituire una sorpresa. Questo governo infatti non è altro che il garante verso l’Unione Europea e verso la classe dominante italiana dell’allocazione dei miliardi del recovery fund, che solo le anime candide pensano siano destinati al miglioramento di sanità e scuola, o all’aiuto per le persone colpite dalle pesanti ricadute economiche e sociali della pandemia. Il fatto è che questi fondi sono debiti, che... Leggi tutto

Chiusura della campagna di sottoscrizione per il tetto della tipografia

Chiusura della campagna di sottoscrizione per il tetto della tipografia
La raccolta fondi iniziata a fine 2019 si conclude, Dal momento in cui abbiamo lanciato la raccolta compagn* e amic* di mezzo mondo si son fatti sentire e hanno dato il loro contributo permettendoci di rendere la tipografia un poco migliore per chi ci lavora dentro e chi ci viene a trovare. Perciò’ ringraziamo tutt* per i contributi che abbiamo ricevuto. Occorrevano 10.000€ circa solo per la sostituzione del tetto e la cifra raggiunta li ha superati arrivando a circa 12.000. Chi volesse ricevere un resoconto più preciso puo’ scriverci a lacooptipo@gmail.com Grazie a tutt* per la Coop Tipolitografica Silvio Leggi tutto

Renato Campani ci ha lasciato

Renato Campani ci ha lasciato
Si è spento nei giorni scorsi a Canossa (Reggio Emilia) all’età di 83 anni, dopo una lunga malattia, il compagno Renato Campani, detto “Campanen”. Si era avvicinato all’anarchismo alla fine degli anni ’60 e a partire dagli anni ’70 prese contatto con gli anarchici reggiani entrando nella nostra Federazione Provinciale. Compagno di grande carattere, aveva lavorato ala CoopSette come capo cantiere distinguendosi nelle lotte sindacali per il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori. Grande appassionato di calcio, aveva allenato varie squadre giovanili dei paesi della Val D’Enza, portando, anche nelle attività sportive, i nostri valori. Grande lettore della stampa... Leggi tutto

Pandemia di guerra

Pandemia di guerra
“Pandemia di guerra”, volantone antimilitarista realizzato dalla Cdc-FAI e dalla redazione di Umanità nova in vista delle iniziative per il 4 novembre. Da stampare (formato A3 da piegare) e diffondere. Al link qui sotto potete trovarlo da scaricare sia in versione a colori che Bianco/nero: https://mega.nz/#F!LJJR2C6R!xwPzJqo3FCXd2VnzxE-uJA                                       Leggi tutto

Attività della Federazione Anarchica Italiana

Attività della Federazione Anarchica Italiana
Durante tutto il periodo del lockdown la FAI ed i suoi gruppi hanno continuato la loro attività in varie forme. Numerosi gruppi e individualità della Federazione hanno dato vita a iniziative di lotta, controinformazione, solidarietà e mutuo appoggio. In alcuni casi nostri compagni e compagne hanno ricevuto multe per aver manifestato in barba ai divieti governativi. Molti testi di analisi e comunicati prodotti sia da gruppi locali sia dalla Commissione di corrispondenza hanno avuto un’ampia diffusione. Umanità Nova ha continuato ad uscire ininterrottamente, sia in versione web sia cartacea, sfidando quindi tutte le difficoltà che i provvedimenti governativi (come sempre... Leggi tutto

Mozione convegno FAI

Mozione convegno FAI
L’emergenza Covid ha determinato una fase in cui sono emerse ancora una volta con evidenza potente le caratteristiche tipiche del capitalismo. In uno scenario di ulteriore polarizzazione tra povertà e ricchezza, le politiche governative dimostrano che lo Stato è nemico degli sfruttati e delle sfruttate. In un clima di pesante repressione, mentre i nostri territori erano sempre più militarizzati, il governo ha continuato a finanziare le spese militari e a programmare missioni coloniali. Con il pretesto del rilancio dell’economia sono state rifinanziate le grandi opere, le speculazioni edilizie e lo scempio ambientale, sostenendo i padroni a discapito di lavoratrici e... Leggi tutto

ABBATTERE LE MURA DEL CIELO – Storie di anarchiche, anarchici e occupazioni (Milano 1975-1985)

ABBATTERE LE MURA DEL CIELO – Storie di anarchiche, anarchici e occupazioni (Milano 1975-1985)
Sono trascorsi 44 anni da quando in Via Torricelli a Milano viene occupato uno spazio, tutt’ora attivo nonostante gli innumerevoli tentativi di sgombero. Nel corso del tempo questo spazio occupato da ragazzi e ragazze ha portato avanti innumerevoli interventi nel quartiere, con esso indiscutibilmente amalgamandosi: ricordiamo le occupazioni di appartamenti sfitti in favore dei senza tetto, le lotte per salvaguardare un quartiere sotto assedio dalla speculazione, un luogo di riferimento per le lotte che si sono succedute nel corso degli anni, l’antimilitarismo, le serate dedicate all’anticlericalismo, la costituzione di una ricca biblioteca, la lotta contro le centrali nucleari. E poi:... Leggi tutto

Solidarietà al Rojava

Solidarietà al Rojava
Trieste, 1° Novembre Oltre 400 persone (dato reale) hanno partecipato il 1° novembre al corteo regionale indetto dal Coordinamento Kurdistan di Trieste (in cui da sempre siamo parte attiva come Gruppo Anarchico Germinal) in solidarietà alle popolazioni della Rojava sotto attacco. L’iniziativa era pensata come “sorella” rispetto al corteo nazionale di Roma ed è stata sicuramente l’iniziativa più partecipata in regione su questo tema da quando – nel 2014 – è iniziata la campagna di appoggio. La manifestazione si è snodata nel centro città per concludersi nella centralissima Piazza Unità sotto il consolato onorario della turchia. Nei vari interventi al... Leggi tutto

Con la popolazione del Rojava

Con la popolazione del Rojava
Dal 9 ottobre lo Stato turco ha dato inizio all’invasione del Rojava ed intrapreso una nuova guerra contro la Federazione della Siria del Nord con bombardamenti indiscriminati e con l’attacco di forze di terra. Per il governo turco è necessario annientare un pericoloso esempio di resistenza e di sperimentazione di libertà nella regione, basato su comunità che hanno deciso di abbracciare una rivoluzione confederale, femminista ed ecologista dirompente. Questo è il vero motivo dell’attacco. Anche se, come inizialmente dichiarato dalle autorità turche, l’operazione “Sorgente di Pace” si limitasse a “mettere in sicurezza” un’area profonda 30 km lungo tutto il confine,... Leggi tutto

Gianni Costanza

Gianni Costanza
Nel 1968 si costituiva a Palermo il gruppo Nestor Mackhno, aderente alla Federazione Anarchica Italiana. Nella sede del gruppo, in piazza Meli (nel settecentesco Palazzo Pantelleria), ferveva l’attività degli anarchici palermitani, si svolgevano dibattiti e incontri su temi politico-sociali che vedevano la partecipazione attenta di tutti i presenti. Nel gruppo, Gianni Costanza “Mustang” era un punto di riferimento obbligato per la sua capacità di analisi, per la sua attitudine al dialogo ed alla mediazione, per il suo instancabile impegno: era, insomma, un mito, come scrive Bibi Bianca nel suo libro Mamma stanotte non torno. Quella Palermo del ’69 (pag. 65).... Leggi tutto

Saluto a Lorenzo Orsetti

Saluto a Lorenzo Orsetti
Domenica 23 Giugno abbiamo salutato Lorenzo Orsetti, Orso, Tekoşer. Molti erano presenti la mattina al trasporto da Careggi alla Società di Mutuo Soccorso di Rifredi, dove si sono radunate ancora più persone nel corso della giornata. Oltre ad amici e amiche, familiari, fiorentini e abitanti del suo quartiere Rifredi, erano presenti con striscioni molte realtà di movimento provenienti da tutta Italia, oltre che compagne e compagni di lotta di Lorenzo in Rojava con delegazioni da diversi paesi. Presenti compagne e compagni anarchici da tutta la Toscana ma anche da Milano, Roma, Reggio Emilia, Cosenza e da molte altre località. Tra... Leggi tutto

Venezuela: contro le false alternative, per la rivoluzione sociale

Venezuela: contro le false alternative, per la rivoluzione sociale
Il Venezuela vive sotto il dominio di un governo autoritario che mantiene sottomessa gran parte della popolazione attraverso la repressione e il clientelismo. Il governo di Nicolas Maduro, composto e sostenuto dalle gerarchie militari venezuelane, ha come proposito quello di garantire, oltre ai propri, gli affari della boliborghesia, grazie al controllo delle imprese, il saccheggio delle risorse minerarie e petrolifere e il narcotraffico. Con l’obiettivo di mantenere il potere e la propria lucrosa attività, il governo reprime le proteste della popolazione, tortura, arresta oppositori e oppositrici uccidendo più di cinquanta persone solo in questi primi mesi del 2019. Per facilitare... Leggi tutto
1 2 3 4